Da 0 a 24 mesi ogni bambino è unico

come cresce un bambino da 0 a 24 mesi

“Il mio bambino ha 15 mesi e non cammina ancora. Ha dei problemi?” oppure “Il mio ha detto Mamma e Papà già a 8 mesi. E’ avanti rispetto agli altri coetanei!

Quante volte ho sentito frasi simili e fin dalla prima volta mi sono detto: ma mio figlio è unico! Se il pediatra (di cui mi fido ciecamente) mi ha detto che sta benissimo, che cammini presto o tardi, che metta il primo destino a 4 mesi o a 14 mesi, che dica mamma a 8 o 15 mesi… CHI SE NE FREGA!

Se ci seguite sapete che abbiamo due bambini meravigliosi, Arianna e Marco, che oggi hanno rispettivamente quasi 5 e 2 anni. Tra loro ci sono 2 anni e 10 mesi esatti di differenza di età ed una è femmina, l’altro è un maschietto (ma va?).

Per la nostra esperienza sono due mondi completamente opposti.

Siamo sempre stati genitori molto easy, nel senso che non ci siamo MAI preoccupati di fare le gare a chi diventasse più grande prima, abbiamo sempre cercato di lasciare loro la libertà sacrosanta di sviluppare le proprie attitudini, ognuno con i propri tempi.

Qualche esempio pratico:

  • Arianna ha messo il primo dentino dopo un anno, Marco già ad 8 mesi.
  • La mia principessa ha iniziato a camminare 2 giorni prima del suo primo compleanno, Marco a 9 mesi più o meno.
  • Arianna è praticamente nata con la testa dritta, Marco ha iniziato a tenerla sù da solo mi sembra dopo un mesetto o due.
  • Lei ha iniziato a parlare bene già sotto i 2 anni, lui oggi per tante parole usa ancora ancora il verso (tipo per dire “pesce” non prova nemmeno a dirlo, ma lo imita).

E allora? Mi devo preoccupare? Penso proprio di no!

CIASCUN BAMBINO HA IL DIRITTO DI AVERE I SUOI TEMPI E NOI ADULTI ABBIAMO IL DOVERE DI RISPETTARLI!

Ho voluto scrivere queste semplici impressioni perché non riesco a comprendere le “gare” tra genitori per avere il figlio “più intelligente” o “più sveglio”
Mi vengono in mente scene che ho visto tante volte al campo di calcio di litigi tra genitori ed allenatori perché il proprio figlio giocava o cominciava dalla panchina.

Io credo fermamente che la cosa più bella del mondo sia vedere il proprio bambino crescere bene, in salute ed in serenità intendo, perché volerlo far diventare grande subito?

Quante volte vorrei tornare a quei passi incerti, per potergli andare dietro e sorreggerlo se stenta il passo…

Come vorrei rivivere l’emozione dei primi due dentini davanti (effetto Bugs Bunny)…

I miei piccini me li vedo crescere davanti gli occhi, ma TROPPO IN FRETTA! Aspettatemi, rallentate! Voglio godermi ogni secondo della vostra crescita, ho paura che cresciate, perché scoprirete come purtroppo il mondo non è tutto casetta, prati verdi e sole all’orizzonte!

Non correte! Aspettatemi! Non riesco a starvi dietro così velocemente!

 

Share

BadaBirba

L'idea di chiamare il nostro negozio Bada Birba deriva da un'esclamazione che spesso abbiamo rivolto con il sorriso ai nostri bambini quando facevamo un pochino i monelli. "Bada", in Toscana sta per "fai attenzione", mentre "Birba" è il diminuitivo di "birbante".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *