Bambini creativi in spiaggia

giochi in spiaggia con i bambini

Organizziamo dei giochi creativi con i bambini sulla spiaggia? Questa la richiesta di un nostro caro amico, Stefano Agnoloni, titolare del Bagno Ondablù a Marina di Castagneto Carducci. Con il nostro solito entusiasmo praticamente eravamo già lì.

Non ci abbiamo pensato un solo secondo e ci siamo messi subito a pensare come poter far divertire i bambini sulla spiaggia, ma alla nostra maniera, ovvero in modo creativo.

L’idea era quella di far costruire qualcosa ai bambini; vediamo… c’è il mare, c’è la spiaggia, il ricordo dell’estate ci scalda durante l’inverno… e voilà: costruiamo un cartellone, dove ognuno attaccherà la sua creazione e scriverà il suo nome, in modo da poter avere tutti un bel ricordo dell’estate 2015.

Ci siamo procurati:

  • tappi di sughero (casualmente non di plastica, chissà perchè)
  • tempere a dita colorate
  • fogli di carta con disegni da colorare con il tema del mare (pesciolini, conchiglie, polpetti)
  • pennarelli con brillantini colorati

Abbiamo preparato il cartellone con il titolo in alto “In fondo al mare (Onda)Blu” per giocare con il nome dello stabilimento balneare, mentre in basso abbiamo attaccato con la colla a caldo conchiglie, rametti e stelle marine.

Ok, pronti, ma… se a qualche bambino non ha voglia di colorare, timbrare? Quale migliore occasione per farli divertire con i nostri giocattoli? Abbiamo scelto piccoli giochi di società: le uova per fare la torre ed i fiori in legno da incastrare.

Arriva il grande giorno.

Non facciamo in tempo ad arrivare che già si è sparsa la voce ed i primi bambini cominciano a venire a vedere chi siamo e cosa stavamo preparando per loro.

Disponiamo i tavolini e le sedie in modo cromatico tra gli scivoli e le altalene dell’area giochi. C’erano solo colori ed era davvero bello da vedere!

Subito dopo iniziamo a distribuire tutto il materiale che avevamo portato e si formano i tavoli.  Anche la nostra Arianna era con noi (le piace fare un po’ la maestrina…).

Dopo pochissimo si crea una scena spettacolare: bambini che giocano e si divertono, creano, pensano, si vede che stanno bene; poi la spiaggia, i colori del cielo, il caldo che non era soffocante ed po’ di vento a farci compagnia, ma quello che mi ha fatto più sorridere sono stati i genitori che guardavano da una balaustra leggermente rialzata vicino alla zona bar, tutti sorridenti e soddisfatti nel vedere i loro figli che si divertivano.
Per la prima volta abbiamo toccato con mano il vero spirito di BadaBirba.

Ogni bambino giocava con quello che gli piaceva di più e già dopo un quarto d’ora era arrivato al cartellone il primo pesciolino, pronto per essere incollato. Poi piano piano il cartellone era quasi pieno di figure colorate e brillantinose, con vicino il nome di ciascun artista. Bello, bello, bello! Ci piace!

Poi ci siamo divertiti anche con altri giochi ed abbiamo concluso con dei balletti insieme ai bimbi rimasti.

Questo il risultato finale:

gruppo

E’ stata la nostra prima esperienza, ma

abbiamo voglia di continuare a stare in mezzo ai bambini, a farli star bene, in modo divertente e creativo, come piace a noi.

A presto. Stay tuned!

Alessio

Share

BadaBirba

L'idea di chiamare il nostro negozio Bada Birba deriva da un'esclamazione che spesso abbiamo rivolto con il sorriso ai nostri bambini quando facevamo un pochino i monelli. "Bada", in Toscana sta per "fai attenzione", mentre "Birba" è il diminuitivo di "birbante".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *